Informazioni legislative

Profilo professionale del consulente
Il consulente in essenze floreali è un professionista esperto nella relazione d’aiuto attraverso l’applicazione della floriterapia. Attraverso uno o più incontri di consulenza, egli supporta e sostiene le persone che stanno attraversando un momento di disagio (emotivo, professionale, familiare, relazionale o di salute) accompagnandole e guidandole nella scelta delle essenze floreali indicate a riequilibrare lo stato emozionale disarmonico.
Il consulente non si propone come alternativa al medico o allo psicologo, non si occupa di diagnosi o di patologie mediche né di curare dei sintomi, ma di riequilibrare tutti quegli atteggiamenti emozionali negativi che possono, alla lunga, favorirli. Egli non “cura” malattie fisiche o psicologiche, ma si rivolge a persone momentaneamente alle prese con problemi esistenziali, intervenendo prima che questi si aggravino e diano luogo a patologie fisiche o psichiche. Il consulente in essenze floreali lavora quindi nell’ambito della prevenzione del disagio individuale e sociale e della promozione del benessere fisico, mentale e spirituale dell’essere umano.

Obblighi di formazione e aggiornamento
L’iter di studi del consulente in essenze floreali prevede la frequenza di una scuola di formazione triennale con un monte ore complessivo non inferiore alle 600 ore (o un percorso formativo equivalente), tirocinio personale e supervisione. Il consulente iscritto al RIF è tenuto a mantenere un livello adeguato di preparazione professionale e a svolgere durante l’anno un aggiornamento obbligatorio e verificabile, frequentando congressi, seminari e corsi d’aggiornamento.

Pagine: 1 2 3